torna al menu
stampa
Rassegna stampa - mercoledý 7 ottobre 1998 ultimo aggiornamento: 18 dicembre 2001

  <  elenco completo (595)   <  articoli pubblicati su La Stampa (14)
  <  altri articoli scritti da s. n. (1)

Pubblicato su La Stampa - 07/10/1998
www.lastampa.it


Dalla & Baglioni, un debutto
Ieri a Bologna per "Taratata", con "Henna" e "Domani mai" Per la prima volta hanno cantato insieme

di s. n.

BOLOGNA. "Henna" di Lucio Dalla e "Domani mai" di Claudio Baglioni: sono questi i brani dell'atteso duetto tra i due artisti, che per la prima volta hanno cantato insieme ieri sera al PalaDozza di Bologna nella puntata inaugurale di "Taratata" (poi in onda su Raiuno alle 23.10, in leggera differita).
Per Dalla, "Henna" è la sua canzone più bella: "E' la più bella dell'album: dopo ''Cambio'' ho voluto fare qualcosa di diverso". E "Domani mai", "se non è la più bella canzone di Claudio, è una tra le più belle".
Brani poco noti, nello stile di questa trasmissione: "Perché è giusto promuovere brani cui sei molto legato - precisa Dalla - e che hanno la forza delle cose fatte intensamente. E' inutile rifare ''Caruso'' o ''Questo piccolo grande amore'', che la gente conosce già troppo".
"Sì, è la prima volta che con Claudio lavoriamo insieme - precisa Dalla - anche se da ragazzini, negli anni '70, ci vedevamo tutti i giorni, io, lui, De Gregori. Poi io sono andato via da Roma, abbiamo preso strade diverse.
Ora ci ritroviamo, io a 55 anni e lui a 47 o 48. Ho deciso di fare questa serata proprio perché è lui, Claudio; non l'avrei fatto per tutti".
Quella di ieri sera, dedicata soprattutto a Claudio Baglioni, è la prima di 13 puntate di "Taratata", che andranno in onda sempre il martedì alle 23.10 su Raiuno. E' già stata definita la seconda puntata, con Carlos Santana (ospiti Elio e le Storie tese), che sarà registrata di lunedì, il 12 ottobre, per andare in onda il 13, mentre le altre sono in corso di organizzazione. Le conduce Enrico Silvestrin, arrivato a Raiuno da Mtv, che però non vuole ipotecare nulla delle puntate successive: "Starà ad ogni artista scegliere i brani, se vorrà cantare greatest hits o pezzi poco noti. Poi non è un concerto, si tratta di quattro, cinque canzoni; certo che a noi farebbe più gioco se gli artisti scegliessero brani famosi".
Tra un pezzo e l' altro, il racconto di vite vissute in mezzo alla musica.
Sarà Silvestrin a intervistare gli altri ospiti, come ha fatto con Baglioni.
Ieri Lucio Dalla è arrivato al PalaDozza alle 15,30, mentre Claudio Baglioni era pronto dalle 16,15, un po' in ritardo, per una leggera influenza che "sta arrivando", raccontava. Ha subito preso a far scorrere le dita sul piano, accennando "A kiss is just a kiss", poi ha provato la voce e quindi imbracciato la chitarra per il rock di "Via".
Nel montaggio televisivo, lo spettacolo si è iniziato con "Noi no", poi "Quante volte", quindi "Henna" insieme a Dalla, come "Domani mai" subito dopo. Infine "Tamburi lontani" e "Mille giorni di me e di te".

segnalato da Cecilia Lombardino

  <  elenco completo (595)   <  articoli pubblicati su La Stampa (14)
  <  altri articoli scritti da s. n. (1)